Carl Brave x Franco 126 Cheregazzina

[Carl Brave:]

Onda verde per le strade la mattina

Sosta all’Eni col profumo di benzina

Una filippina ferma a una panchina (sognando Manila)

Mi finisco questo scolo di Punk-IPA

E sto all’Anagnina co’ una signorina (ehi prego)

Ma lei non si fida, cheregazzina

È nervosa parla gioca a fa la diva

Dice che l’ex uomo non l’ha mai capita

Mo che hai suonato canta

C’ho i buffi con la banca

E mia madre è sempre stanca (mamma)

No svolte ma si campa (dai)

E lei mi piace e non mi so’ mai avvicinato (mai)

Solo quella volta in cui ero allucinato

Che regazzino, sarà pe’ il vino

Sarà pe’ una battuta un po’ di serie b, detta così

Ma in buona fede

Che non si vede?

Ma chi ci crede

[Carl Brave x Franco 126:]

E m’ha attaccato col pippone di due ore

Io ancora cotto dall’hangover

Io che volevo fa’ il piacione

T’ho detto ciao e te ciaone

Cheregazzina cheregazzina

Cheregazzina cheregazzina

Cheregazzina cheregazzina

Cheregazzina cheregazzina

[Franco 126:]

Palleggiamo una boccia di falanghina (tie’ pija)

In piazzetta bori stanno in comitiva (aoh)

Sembro uscito da uno dei film dei Vanzina

Siamo belli andanti tutti in parlantina

C’è questa tipa (mbè) da copertina (eeh!)

Ma non si fida (eh che?) cheregazzina (cheregazzina)

Io parlo a vanvera, sta’ a fa’ la splendida

Quando apre bocca giuro mi farei una pennica

E lei è amica di un’amica di un’amica mia (ah sì?)

Sogna Bahia, prende la vita con filosofia

Barcollo, pare sto facendo una coreografia

Metti ci sta, io tocco ferro per scaramanzia (tie’)

Cheregazzina

Due ore che gli faccio il filo ma comunque se la tira (se la tira)

Prendo una bira

E una schedina che magari vinco pure diecimila

[Carl Brave x Franco 126:]

Eddai, ma perché non ci stai?

Resta qua, dove vai?

Sai, colpa del Ballantine aiaiaiai

Eddai, ma perché non ci stai?

Resta qua, dove vai?

Sai, colpa del Ballantine aiaiaiai

Eddai, ma perché non ci stai?

Resta qua, dove vai?

Sai, colpa del Ballantine aiaiaiai

E m’ha attaccato col pippone di due ore

Io ancora cotto dall’hangover

Io che volevo fa il piacione

T’ho detto ciao e te ciaone

Cheregazzina cheregazzina

Cheregazzina cheregazzina

Cheregazzina cheregazzina

Cheregazzina cheregazzina

Carl Brave x Franco 126 Medusa

[Carl Brave:]

Abbiamo portato tuo fratello all’Aquafan

Ha pisciato in acqua e tu gli hai detto “Ba'”

Perché si inizia a colorare, ti vorresti sotterrare (giù)

Io che volevo andare al mare

Un boro co’ una maglia “Italians do it better” (oh)

Lei cammina a passo svelto è fiera del suo setter

Litighiamo, pare un telefilm di La7

Abbiamo urlato e pareva che il cielo cadesse

T’ho scroccato una ciospa anche se non fumo, eh

Fai trentuno t’ho portata ad Anzio a mangia’ il crudo, eh

Tu che dobbiamo parlare io che resto muto

In tv un imbecille dice “Italia 1”

Vorrei lasciare tutto quanto per un chiosco a Bali

Un cartello dice “Shark attack” e non è Cali

Noi che d’inverno ci vestiamo a strati

D’estate famo l’alba e al mare ci andiamo domani

Lei è spiaggiata che mi scrive “Amore mio ma quando cali”

Io che t’ho dato tutto mo non posso lascia’ mance

E mi puoi dire tutto tanto tutto non mi tange

Uramaki California la mia amica

A caccia di surfisti abbronzi in California

T’aspetto di qua, non ci so’ Cadillac

Abbiamo fatto crack e amo’ lasciami stare

Io che volevo solo il mare

[Franco 126:]

Do un calcio a un Super Santos, ma va un po’ dove vuole lui

Alzo lo sguardo al cielo e strizzo gli occhi al sole

Nel naso il fumo di uno zampirone

Il ronzio di zanzare e quello del ventilatore

Scendi sotto casa e ti passo a pigliare

Ed oggi il meteo dice che il mare è una tavola

Ma sto da un’ora fermo in coda in tangenziale

Butto dal finestrino lo stecco di un Fior di Fragola

E se resto qua-ah e quando passi fammi un fischio

Stesso ba-ar e quando vuoi mi trovi là, ehi

Sulla mano un timbro sbiadito

Lei attacca sempre al quarto squillo

Macchia di rossetto il filtro della Winston

Metti che pijo un last minute e mi invento un’altra vita

Mi subaffitto casa e scappo per la Costa Rica

Ritiro gli ultimi risparmi che c’ho sulla VISA

E come è ita è ita

Mi penso sopra la spiaggia di quel depliant

Intanto accolla due spicci per il Telepass

[Carl Brave:]

Io che t’ho dato tutto mo non posso lascia’ mance

E mi puoi dire tutto tanto tutto non mi tange

Uramaki California la mia amica

A caccia di surfisti abbronzi in California

T’aspetto di qua, non ci so’ Cadillac

Abbiamo fatto crack e amo’ lasciami stare

Io che volevo solo il mare

Carl Brave x Franco 126 Argentario

[Franco 126:]

Ooh ooh ooh

Hanno lasciato aperto al quarto piano l’ascensore

Salgo le scale a due a due di prescia col fiatone

Hanno il cornicione della pizza nel cartone

Hanno fatto i baffi alla modella su quel cartellone

Ho detto tante cazzate che ho battuto tutti i record (oh oh)

In tasca il tuo accendino e mi hai detto “Si chiama Pietro” (ehi)

Siamo finiti contro un cedro con la station wagon (che?)

E le gocce di pioggia si rincorrono sul viso

E io qui che ci faccio, che poi vorrei tutt’altro

E poi c’è troppo chiasso, ‘sto drink è tutto ghiaccio (aah)

Abbiamo corso troppo e forse io non stavo al passo

Mi hai urlato ogni rimpianto

Ma più che un grido sembrava un pianto (aah)

Lo so ti ho detto una bugia ma era sincera (ah ah)

E so che non lo pensi che è una cattiveria (ah ah)

Mi bevo a grossi sorsi ‘sto sabato sera (ah ah)

Te l’ho giurato a dita incrociate dietro la schiena (ah ah)

[Carl Brave x Franco 126:]

Oh oh oh oh

Sei in testa come un pezzo in radio

Oh oh oh oh

Mi accendo una ciospa al contrario

Oh oh oh oh

Noi che non siamo mai in orario

Oh oh oh oh

E sei scappata all’Argentario

[Carl Brave:]

Che zella abbiamo messo sotto un gatto nero a Ostia (ehi)

Ero ustionato cotto al sole come un’aragosta (ehi)

C’è il suo ex che ancora le fa le poste (eh)

La avviso fingendo colpi di tosse (coff coff)

Due tossici mi fermano in una piazza vuota (yeah)

Mi chiedono una firma per dire di no alla droga

Tu eri nervosa hai detto: ”Bah, ora faccio yoga”

E m’hai strillato tutto contro che mo’ c’hai la voce roca (eeh)

In tv Banderas con Rosita, in tasca Morositas

E stai davanti a me ma lo sento che ormai sei ita

E t’ho promesso una vita da Costa Rica

Fermi sul lungotevere a partita finita (via)

Rido alla battuta tua anche se non l’ho capita (ahah)

Nella sabbia una siringa e un guscio di tellina (eh eh)

Da un bacio rubato siamo stati vita (e poi?)

Vicini di rubrica nell’iPhone della tua amica

[Carl Brave x Franco 126:]

Oh oh oh oh

Sei in testa come un pezzo in radio

Oh oh oh oh

Mi accendo una ciospa al contrario

Oh oh oh oh

Noi che non siamo mai in orario

Oh oh oh oh

E sei scappata all’Argentario

[Carl Brave:]

Ora no, non mi va, parla tu, non dico ah

Se vuoi vai, resto qua, troppi drink, patatrac

Auto-stop, e si va, dici vai, resto qua

Sei andata via in un bonsoir

A fior di pelle il nostro DNA

[Carl Brave x Franco 126:]

Oh oh oh oh

Sei in testa come un pezzo in radio

Oh oh oh oh

Mi accendo una ciospa al contrario

Oh oh oh oh

Noi che non siamo mai in orario

Oh oh oh oh

E sei scappata all’Argentario

Carl Brave x Franco 126 Barceloneta

[Coez:]

Inseguo il suo sorriso, piccante chorizo (chorizo)

Le volte che c’ho pianto più di quelle che c’ho riso

Le volte che c’ho caldo e sogno un’isola distante (eh)

Un nome tipo El Paso, grido a caso Adelante (eh)

Abbraccio mio fratello, ne hai preso troppo, bello

In cerca di felicità come fosse un granello

Di sabbia in sto bordello oh oh oh

Di sabbia in sto bordello oh oh oh

Se vai dal Maghreb, chiaro che te dà ‘na crepa

Stessa moneta, Pigneto-Barceloneta

Prendine metà, sennò finisci su un altro pianeta

Lei sulla Rambla balla, mi passa avanti e non guarda

Stella cometa

[Franco 126:]

E io ti parlo, ma hai le orecchie tappate

Come in volo sopra un Jumbo

E pure questa notte il sonno è arrivato in ritardo

E so che sei un altro sbaglio

E io ti parlo, ma hai le orecchie tappate

Come in volo sopra un Jumbo

E pure questa notte il sonno è arrivato in ritardo

E so che sei un altro sbaglio

[Carl Brave:]

Se te ne andassi capirei

Un solo andata Ryanair

I tetti mi sembrano nei

È morta pure Moira Orfei

Vongole e bottarga, andiamo senza targa eh

Il posto di blocco

Fe’, fai retromarcia eh eh eh

Lei c’ha le sopracciglia ad ali di gabbiano

E piano planano, sul mio cavallo galoppiamo

Fuori fanno i botti, pare stamo a Napule (eh)

Famo il fuoco eh eh

Squilla il cellulare, lascialo squillare

Non so’ marinaio, mi parte la nave

Tengo il paletto d’oro a tedesca

Un’altra grezza sulla rambla con una tedesca (ehi)

Barceloneta che famo emigratis (aooh)

Italianos? (Dai)

Zompiamo la fila dei taxi (‘nnamo)

Dove annamos? (eeh)

In strada in ciabatte viados

Pellaria che fumano charas

Barcellona TV Sergio Ramos

Ci becchiamo poi cambiamo strada

[Franco 126:]

E io ti parlo, ma hai le orecchie tappate

Come in volo sopra un Jumbo

E pure questa notte il sonno è arrivato in ritardo

E so che sei un altro sbaglio

E io ti parlo, ma hai le orecchie tappate

Come in volo sopra un Jumbo

E pure questa notte il sonno è arrivato in ritardo

E so che sei un altro sbaglio

Noi spiaggiati a Bogatell

Ándale, ándale (eh)

Parlo a gesti a una française, adios, adieu

Lei vuole sempre avere l’ultima parola eh

Ci perdiamo dentro labirinti di lenzuola

Noi persi per Barça ehi

Bevo un sorso a canna ehi

Apri un rubinetto di acqua fredda ed esce calda (oh)

Scoordinati che sbagliamo i passi della salsa (salsa)

Sei desaparecida tra la folla sulla Rambla ehi

Vámonos

La siesta a Barceloneta poi famo il panico (oh)

Un maricon che balla il flamenco su un tavolo (oh)

Pesche dentro la sangria

E accendo la mia sigaretta con la tua (eh ehi ehi ehi eh)

[Coez:]

Anche se siamo su

Due diversi voli c’è lo stesso sole, sì

Anche se siamo ad alta quota sento il profumo del mare da qui

Da qui, da qui, da qui

Carl Brave x Franco 126 Lucky Strike

[Carl Brave:]

Due rom fanno un falò con due buste Crai

Quel puttanone c’ha sicuro l’AIDS

Siamo finiti ancora dritti al night

In foto eri bella ho messo like

L’ho solo trescata non ricordo il nome

Schimichiamo dallo zozzone

Piscio su una fratta di Parco Sempione

Prendo meno del tuo filippino

Lei nella vasca rilegge Cioè

Odio il cappottino del suo carlino

Tombini tatuati S.P.Q.R

In giro solo marocchini e metronotte

I pazzi di quartiere con in mano i cocktail

Ho toccato il cielo con il gomito

E le ho scritto un papiro di cazzate con le emoticon

[Franco 126:]

Stacco un’aletta dal pacchetto delle Lucky Strike

Lei cicca dentro la lattina di una Coca Light

Non so che scrive’ le mando un messaggio con gli smile

Metti domani tornerai

Seh, hai visto mai

Hai visto mai, hai visto mai, hai visto ma-ai

Hai visto mai, hai visto mai, hai visto ma-ai

Hai visto mai

Ho una piramide di piatti nel lavello

Non ricordo mai qual è la strada in cui parcheggio

Al supermercato senza spicci pel carrello

Sotto casa un rom fa spesa dentro un cassonetto

Faccio due lavori e sono entrambi in nero

Al Pigneto mio fratello contratta co’ un negro

Cazzo non ho rallentato c’era l’autovelox

T’ho tradita, m’hai tanato, io nel dubbio nego

Lei tra due esami si laurea in storia dell’arte

Ma se restava zitta era molto più interessante

Compro sottomarche di vodka dal minimarket

Promozione Fastweb? Riaggancio, no grazie

Il mio amico dice che sta sempre un pezzo avanti

Noi che barcolliamo siamo tutti belli andanti

Era la seconda a destra, mi sa che ti sbagli

Mi hanno alzato un’altra volta i tergicristalli

Stacco un’aletta dal pacchetto delle Lucky Strike

La cicca dentro la lattina di una Coca Light

Non so che scrive’ le mando un messaggio con gli smile

Metti domani tornerai

Seh, hai visto mai

Hai visto mai, hai visto mai, hai visto ma-ai

Hai visto mai, hai visto mai, hai visto mai

Hai visto ma-ai, hai visto mai

Stacco un’aletta dal pacchetto delle Lucky Strike

Lei cicca dentro la lattina di una Coca Light

Non so che scrive’ le mando un messaggio con gli smile

Metti domani tornerai

Seh, hai visto mai

Carl Brave x Franco 126 Enjoy

[Carl Brave:]

Pio l’Enjoy, metto la retro

Do un bacetto al Pandino dei tuoi

‘Na settimana che facciamo quello che vuoi

E ‘sta domenica Porta Portese è isterica

Io con la solita scena patetica (hei)

Ridimmi il nome che

Quando mi presento penso solo a come dire il mio

Sai che so’ un bravo fijo, lei mangia frutta Bio

È del Fleming ed è come se venissimo da altri pianeti

Così lontani però come fratelli siamesi

La terra trema, brividi da sotto i nostri piedi

Basterebbe preme’ invio per dirti tutto in una mail

E tu sei online ma non ci sei

Famo una colla pe’ una boccia a Ponte Milvio

Ci contagiamo come dopo uno sbadiglio

‘Na mezza rissa con un boro x

Mi so’ scordato un’altra volta il mio codice PIN

[Franco 126:]

E si davvero stavamo un po’ fuori

Ce ne siamo dette di ogni, di tutti i colori

Ti parlo sopra non sento ragioni

Abbiamo chiuso porte e sbattuto i portoni

E oggi mi sembra tutto sbagliato

Da rifare da punto e daccapo

Lei ha le lacrime e il trucco sbavato

Vorrei svegliarmi che è tutto passato

Lei si specchia con la selfie dell’iPhone

Beve Sauvignon

Un urlo tra i palazzi: la Roma avrà fatto un gol

A una piotta sull’Enjoy, buchiamo un altro stop

Abbiamo litigato e mi pareva una sitcom

E fuori è tutto buio

A parte qualche luce blu e una farmacia di turno

Mi sei sparita giusto nel tempo di uno starnuto

E io cocciuto che so tre ore che ti chiamo

Ma tu metti in muto

C’è la tramontana e un tormentone in radio

Giacche false a metà prezzo a un banco di Via Sannio

Hai rubato tutte le mie felpe dall’armadio

So’ aumentate anche le sigarette al tabaccaio

So per certo cosa dire ma non te l’ho detto mai

E mi esce solo un “Come stai?”

C’è un Super Tele che galleggia sopra il Tevere

Una boccata al mozzicone e soffio via la cenere

E si davvero stavamo un po’ fuori

Ce ne siamo dette di ogni, di tutti i colori

Ti parlo sopra non sento ragioni

Abbiamo chiuso porte e sbattuto i portoni

E oggi mi sembra tutto sbagliato

Da rifare da punto e daccapo

Lei ha le lacrime e il trucco sbavato

Vorrei svegliarmi che è tutto passato

Carl Brave x Franco 126 Alla Tua

[Carl Brave:]

Eri girasole e poi sei diventata ortica, da

Gemelli siamesi a “Giuro non ti ho mai capita”

Ti ho chiamata con un filo tra i bicchieri

Ti rivedo dopo anni e sembra ieri

Stesi sotto i platani

Sopra una rivista vintage che parla di Platini

Dici se esce femmina la chiameremo Natalie

Io che ho fatto le corna (ehi)

Canticchiando un ritornello in un inglese fake (sorry)

Tu dimmi cosa vedi nella forma delle nuvole

Al cinema l’ennesimo remake ne sono usciti tre

Di quel film cult che non ho visto mai

Ma che danno ogni Natale in Rai

[Franco 126:]

E mano nella mano

Si incrocia la mia linea della vita con la tua

Com’edere sul muro che si affaccia sulla via

Ci perdiamo nel ghiaccio di un bicchiere di Kahlúa

Brindiamo alla mia, brindiamo alla tua

[Carl Brave e Franco126:]

Alla mia, alla tua

Brindiamo alla mia, brindiamo alla tua

Alla mia, alla tua

Brindiamo alla mia, brindiamo alla tua

[Franco 126:]

Sul nove un film in cui vincono i buoni

Guardo fuori e sembra ieri

Con la pioggia nei bicchieri e la testa sempre altrove

Aspettando da ore il 19 che non passa

Bastava uno sbadiglio e non servivano parole

Forse mi stai pensando che mi fischiano le orecchie

Non ho memoria breve non mantengo le promesse mai

Rincorro sempre le lancette

C’è qualcuno nella tasca che mi annoda le cuffiette sai

Resto solo in bilico sopra un filo di fumo

Con l’amaro dei caffè che non abbiamo mai bevuto

So dove vuoi andare a parare ma ti lascio parlare

C’è un vento che strattona le persiane

E mano nella mano

Si incrocia la mia linea della vita con la tua

Com’edere sul muro che si affaccia sulla via

Ci perdiamo nel ghiaccio di un bicchiere di Kahlúa

Brindiamo alla mia, brindiamo alla tua

[Carl Brave e Franco126:]

Alla mia alla tua

Brindiamo alla mia brindiamo alla tua

Alla mia alla tua

Brindiamo alla mia brindiamo alla tua

Carl Brave x Franco 126 Avocado

[Carl Brave:]

C’è una fila greve, arriverò tra due mesetti

Colpa di Alì al semaforo che vende i fazzoletti

Pensavo fosse un buon amico, ma era Tavernello

Urliamo come in spiaggia:

“Bello cocco, cocco bello” (“cocco fresc'”)

‘Sta vita è falsa e arriva come una cinquina (fake)

Come una madonnina in miniatura made in Cina (ehi)

E se il cameriere poi ci chiederà chi assaggia, beh

Annuso il bicchiere come fossi sempre stato un sommelier

Che poi sa di tappo (poro poro po po)

Ho mangiato troppo, svacco (poro poro po po)

Lei sta fuori di melone, piange e scoppia a ride (ehi)

Non a caso l’uragano ha un nome femminile

Gladiatori fanno foto al Colosseo

Lei mi dice: “Non c’ho un euro, offri te, non fa l’ebreo”

Ho scritto ti amo, ho fatto sei a Scarabeo

Non ci rivedremo più come alla cena del liceo

Avocado, forse dovrei chiamare il mio avvocato (ehi)

Sei troppo fake, fake, fake, fake, fake

Troppo fake, fake, fake, fake, fake

Avocado, forse dovrei chiamare il mio avvocato (ehi)

Sei troppo fake, fake, fake, fake, fake

Troppo fake, fake, fake, fake, fake

[Franco 126:]

Lei mette sei magliette ed esce vaga da H&M

Poi suona l’antitaccheggio e dà la colpa a me (ehi-eh-eh)

Mi serve calma zen

Che il buttafuori vuole un tête-à-tête (eh-eh)

Lei mette il muso per ripicca

Sto sempre ad inseguirla

Ma ormai è partita in quinta

Aspetta in fila alla shampista

Mentre disegna sulle facce sopra una rivista

Siamo entrati e guardo già la scritta exit

Stavo meglio a casa co’ una birra e Netflix

Era tutto già scritto

Lei passa per di qua ma fa finta che non m’ha visto

O-o-ops, mega grezza con quelle tue amiche snob (ops)

Finisco a manciate tutti i Coco Pops

C’ha accannato in strada anche la Car2Go, no, no, no

[Carl Brave:]

Avocado, forse dovrei chiamare il mio avvocato (ehi)

Sei troppo fake, fake, fake, fake, fake

Troppo fake, fake, fake, fake, fake

Avocado, forse dovrei chiamare il mio avvocato (ehi)

Sei troppo fake, fake, fake, fake, fake

Troppo fake, fake, fake, fake, fake

[Carl Brave x Franco 126:]

Mayday (mayday), bye bye (bye bye)

Sei un tuffo nel mare a banzai

Mayday (mayday), bye bye (bye bye)

Sei un tuffo in un mare di guai

Mayday (mayday), bye bye (bye bye)

Sei un tuffo nel mare a banzai

Sei un tuffo in un mare di guai

[Carl Brave:]

Avocado

Sei troppo fake, fake, fake, fake, fake

Troppo fake, fake, fake, fake, fake